LA MEDITAZIONE, LE MEDITAZIONI, I MODERNI

Si fa un gran parlare di meditazione in questi tempi, dei suoi effetti benefici: rafforza il sistema immunitario, tiene a bada gli ormoni dello stress, contribuisce a ridurre il rischio di malattie cardio-vascolari, aumenta la capacità di concentrazione di studenti e manager, diminuisce il bullismo a scuola... e questa solo una prima lista, del tutto sommaria, che si può compilare a partire dai numerosissimi articoli pubblicati sull'argomento da tutti i media - cartacei, digitali, radiotv - destinati poi al rimpallo sui social network in una propagazione esponenziale. Ovviamente i giornalisti si interrogano, cercano di orientarsi nella "foresta oscura" del fenomeno e scoprono con grande costernazione che le meditazioni sono innumerevoli, che è difficile distinguere una meditazione buddista da una meditazione yoga o taoista. Scoprono che il fenomeno è assai antico, forse come l'uomo, ma poi giunge l'eco dell'ultima invenzione americana, la mindfulness, che poi sarebbe una tecnica di meditazione buddista senza la figura (ingombrante?) del Buddha, quindi adatta a questi tempi rapidi, proposta in ambito clinico soprattutto da psicologi, e molto studiata nei laboratori (americani, no?) con risultati, talvolta commentati - da esponenti della mindfulness - in modo sconcertante (ad esempio che solo questa meditazione funziona davvero, perché ovviamente è scientifica ed è moderna). A proposito di media radiofonici: sono stato invitato da Radio24 a commentare la popolarità della meditazione e a provare qualche raffronto (nella home page di questo sito trovate il link per ascoltare l'intervista). Dal punto di vista commerciale avrei dovuto dire che solo la meditazione yoga funziona davvero, ma, alleluja, non sono caduto in tentazione! Credo di poter dire che tutte le tecniche di meditazione, anche la mindfulness, funzionino ciascuna nel proprio ambito, e secondo le aspettative e la dedizione sincera di chi le pratica. E che a fare veramente la differenza (tra una tecnica e l'altra, ma anche all'interno di una stessa tecnica) sia la preparazione specifica: più modestamente l'insegnante o lo psicologo che si adatta a questa veste, ma anche - perché no? - il maestro spirituale continuatore di un lignaggio tradizionale. E' la qualità umana della guida che viene trasmessa assieme alla tecnica meditativa, ed è la prima che qualifica la seconda. E' chiaro l'invito a tutti noi che facciamo della meditazione materia d'insegnamento: la consapevolezza che proviamo a suscitare negli altri venga da un'esperienza viva nella quale siamo immersi con sincerità. Se chiediamo alle persone di essere consapevoli del corpo, del respiro, dei processi mentali, siamo allo stesso modo in grado di testimoniare la nostra presenza a livello di corpo, respiro e mente? Credo che l'insegnamento si realizzi quando due o più persone si incontrano, è un fenomeno che trascende le individualità, è un movimento collettivo di energie verso lo scopo della meditazione. Allora siamo in grado di accedere a quella corrente di consapevolezza più vasta che valica le tecniche, gli schemi e persino i protocolli di ricerca e i risultati di laboratorio. Non che la scienza non debba occuparsi di meditazione, ci mancherebbe: leggiamo con interesse i dati dell'ultima indagine svolta alla Harvard Medical School con tutti quei sensori applicati al cranio di un monaco tibetano o di un maestro indiano (appunto, ci sono anche loro nei laboratori americani) ma almeno una volta dovremmo provare a "forare il paradigma" della tangibilità, della riproducibilità (e della commercializzazione del prodotto) quando accediamo all'ambito spirituale. A parte questo, antichi meditatori, benvenuti nel XXI secolo, la buona notizia è che c'è spazio per tutti!

 

 

Please reload

Post in evidenza

Prossimi appuntamenti speciali

allo Spazio Shanti:

MEDITAZIONE

DELLA LUNA PIENA

GIOVEDÌ 12 DICEMBRE 2019

Ore 20-21.30

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
LOGOnegativo2 copia.jpg
A Milano
in via Giovanni Bellezza 17
(zona Bocconi - Porta Romana)
MM3 Crocetta - ŸPorta Romana
Tram 9-24 Ÿ  Bus 90-91
340.8540333 - 349.2257303
info@spazioshanti.org

© 2023 by Digital Marketing. All rights reserved