LA MAPPA DELL'INFINITO

 

Abbiamo voluto intitolare il nostro seminario residenziale La Mappa dell'Infinito perché siamo convinti che si tratti di una efficace descrizione dello yoga. Uno yoga che indichi una possibile direzione, come una mappa che, se vuoi usarla, porti esattamente alla destinazione per la quale è stata tracciata. Ecco, la mappa dello yoga porta all'infinito poiché gli antichi visionari che ne sono gli autori avevano in mente niente di meno che l'infinito. Vero che spesso ci si accontenta di quel che capita, e del resto esistono infiniti modi per ridurre l'infinito a una delle tante attività fisiche che trovate su cataloghi e brochure variamente patinate con un nome che "tira" o un "brand" che fa tendenza. Ma non è questo il problema, e poi viva il libero mercato! È altrettanto vero infatti che accanto alle proposte confezionate dai maghi del marketing convivono realtà autentiche, riconoscibili.

 

UNA LIBERTA' SEMPRE PIENA

Quindi lo yoga per come fu inteso dai disegnatori della mappa sopravvive ed è possibile farne l'esperienza viva, come nel caso della Mappa dell'Infinito, un evento che propone lo yoga nella sua purezza originaria e tuttavia non dimentica i secoli che sono trascorsi e che hanno portato in Occidente alla nascita del pensiero scientifico, della psicoanalisi, della neuro-scienze e della fisica quantistica. E qui viene il bello perché è possibile, anzi necessario, rileggere oggi la mappa originaria attraverso le lenti del pensiero occidentale moderno. È possibile perché la mappa nasconde diverse chiavi simboliche che superano le trappole del tempo e alludono a una realtà psichica che sempre più trova conferma nei dati di laboratorio. È necessario, oggi più che mai, perché la mappa contiene una via per l'emancipazione emozionale e la liberazione spirituale: libertà dal materialismo, dall'illusione, dalla paura e dalla tirannia della scarsità. La mappa indica una direzione costante che chiameremo Legge dell'Abbondanza, perché perdi assolutamente la Via se pensi che quel che puoi realizzare tu viene sottratto a qualcun altro. Nei Veda si canta un mantra che inneggia a ciò che è costantemente pieno, una realtà a cui non puoi sottrarre nulla, né aggiungere nulla, e che ci sfugge così come ci sfugge la gran parte della materia e dell'energia che l'universo cela e che non a caso i fisici hanno chiamato "oscura". Immagina le meraviglie che l’essere umano potrebbe realizzare accedendo all’energia oscura per finalità evolutive e manipolando intelligentemente la materia oscura! La mappa indica anche alcune svolte da compiere, passaggi da realizzare verso la comprensione di quel Grande Essere che tutti noi già siamo nel Grande Tempo, fuori dalla gabbia del tempo lineare. Perché tutto ciò che limita l'infinito batte sulla linea del tempo: paura, rabbia, vecchi programmi installati nella mente e che occorre riscrivere, stucchevoli litanie mentali attraverso cui ci dipingiamo deboli e impotenti, mentre siamo dotati di un grande potere e di una profonda visione. La buona notizia è che sappiamo come aprire i regali (finalmente!) che la mano dell’infinito ci ha messo davanti, lungo il cammino che ha disegnato per noi, come inviandoci un segnale da una dimensione remota a cui possiamo accedere dallo spazio del cuore: tutto è chiaramente dettagliato sulla mappa che l'antica tradizione dello yoga ci ha trasmesso è che le menti più brillanti di questo tempo, da Jung ad Einstein, hanno validato. Risponderemo a quel segnale? 

 

IL CUORE SAGGIO

Dispiegando la mappa davanti a noi siamo in grado di aggirare gli ostacoli, sanare vecchie ferite emozionali, disegnare il futuro curvando lo spazio-tempo. Ma forse ti starai domandando se sei abbastanza "avanzato" o abbastanza "esperto" per un'esperienza come La Mappa dell'Infinito. Non credo possa esistere un cuore che non sia pronto a scoprire se stesso e la sua verità più profonda. La mente dubita, ma il cuore sa. E dal profondo del cuore, assieme al battito fisico, giunge un messaggio che si dispiega in quel ritmo vitale echeggiando la grande sentenza delle Upanishad vediche: Tu sei Quello. Ecco cosa ti invitiamo a svelare percorrendo assieme a noi il cammino luminoso che si accende sulla Mappa dell’Infinito ogni volta che ricordi il tuo vero nome, chi sei, le cose buone che hai compiuto come una transizione verso questo momento, l’istante presente, come una memoria che tieni nel cuore perché sai dove vuoi andare. Adesso. Imboccando la strada giusta per la nuova fase del tuo viaggio e per il ritorno a casa. E potresti chiederti dove sia casa tua. E potrei risponderti: in qualche luogo fra il tuo cuore e le stelle. Ma devi scoprirlo tu, devi farlo da solo, da sola. La Mappa dell’Infinito è la tua mappa e puoi usarla se vuoi. Perché è bello ritrovare se stessi e sorridere. E spesso è anche molto divertente! 

 

Per le informazioni pratiche sul seminario LA MAPPA DELL'INFINITO vai a questa pagina

 

 

Please reload

Post in evidenza

Prossimi appuntamenti speciali

allo Spazio Shanti:

MEDITAZIONE

DELLA LUNA PIENA

GIOVEDÌ 12 DICEMBRE 2019

Ore 20-21.30

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
LOGOnegativo2 copia.jpg
A Milano
in via Giovanni Bellezza 17
(zona Bocconi - Porta Romana)
MM3 Crocetta - ŸPorta Romana
Tram 9-24 Ÿ  Bus 90-91
340.8540333 - 349.2257303
info@spazioshanti.org

© 2023 by Digital Marketing. All rights reserved